Cosa cambia se congelo o surgelo un alimento?

Quali cibi contengono più acqua?
25 giugno 2018
Ghiaccioli di frutta frullata
14 agosto 2018

Cosa cambia se congelo o surgelo un alimento?

La surgelazione è un processo che avviene in pochi minuti a temperature bassissime
(circa –20°C) in impianti particolari.

Questo permette ai tessuti degli alimenti di rimanere integri, infatti l’acqua contenuta nel cibo non ha il tempo di formare grossi cristalli ma rimane intrappolata in micro-cristalli, che non danneggiano la struttura dell’alimento che, una volta scongelato, si presenta così compatto e colorato come da fresco, e anche le proprietà organolettiche sono meglio conservate (anche se va detto che alcune vitamine sensibili alle temperature, termolabili appunto, possono andare perse con questo metodo)

Il congelamento invece è ciò che avviene nel freezer di casa…il prodotto viene sottoposto a temperature di poco sotto lo zero per un periodo di tempo piuttosto prolungato che può essere anche di alcune ore a secondo della grandezza del pezzo da congelare.

Ciò comporta che l’acqua, congelandosi, formi cristalli più grandi che, in fase di scongelamento, si rompono provocando danni alle strutture interne del prodotto che si presenta quindi molle, rilascia molta acqua, e con essa una parte dei suoi nutrienti.